Mazzarella d'agnello
 
» Home Page
 
» Il Patrono: San Francesco Caracciolo
 
Villa Santa Maria è situata nella media Valle del Sangro in provincia di Chieti. Dal 1560 è stata per trecento anni feudo dei principi Caracciolo dai quali è iniziata la grande tradizione culinaria facendo si che questo paese divenisse “la patria dei cuochi”, in cui si trova l’unicità di un museo che è dedicato all’arte dei cuochi. Uno dei discendenti di quella dinastia fu Francesco Ascanio Caracciolo (Villa S. Maria 13.10.1563 Agnone 04.06.1608) che avendo preso i voti sacerdotali fondò “l’ordine dei chierici regolari minori” comunemente detti “caracciolini”. Francesco Caracciolo e suo padre mettevano a disposizione dei giovani cuochi villesi la cucina del loro palazzo in modo che essi potessero perfezionare e studiare i piatti, istituendo, di fatto una sorta di scuola alberghiera, che serviva come viatico di lavoro verso le nobili famiglie del regno di Napoli. Il 13 ottobre del 1984 durante la festa di S. Francesco Caracciolo, in concomitanza con “Sagra del cuoco “ di Villa S. Maria, il santo veniva portato in processione dai cuochi, questo suggestivo evento suggerì al delegato regionale dell’accademia italiana della cucina Angelo De Victoris Medori, al professore Antonio Di Lello e allo chef Antonio Stanziani, di proporre S. Francesco Caracciolo a protettore dei cuochi. Attraverso l’impegno dell’allora presidente nazionale della Federazione italiana cuochi Renato Ramponi, del vice presidente prof. Salvatore Schifani e del gruppo dirigente della Fic regionale, il 26 marzo del 1996 la Cei proclamò S. Francesco Caracciolo patrono dei cuochi d’Italia.
» Gallery
 
 
 
 

 

 
ASSOCIAZIONE PROVINCIALE CUOCHI PESCARA | tel + fax. 085.4492761 | Cod. Fisc. 91013770689 | Copyright © 2007-2009 | Credits